C’è una novità interessante nella legge di Bilancio 2020 definitivamente approvata, un nuovo incentivo ai lavori di casa, ovvero il bonus facciate 2020, che riguarda la ristrutturazione e manutenzione delle facciate dei condomini e delle singole unità abitative, come villette unifamiliari e bifamiliari.

Cos’è il bonus facciate 2020?

Per prima cosa, il bonus facciate 2020 vale per tutte le tipologie di edifici, case private o condomini e si va ad aggiungere ai bonus già attivi che riguardano i lavori di ristrutturazione interni agli immobili.

La nuova detrazione del decreto fiscale 2020, prevede che dal 1° gennaio al 31 dicembre 2020, chi intende ristrutturare la facciata di casa possa beneficiare di una detrazione Irpef del 90% sulla spesa sostenuta. La detrazione vale, sia per gli interventi di manutenzione ordinaria di rifacimento della facciata, come una semplice pulitura e tinteggiatura, sia per i lavori più impegnativi di restauro e mantenimento dell’edificio. L’agevolazione dovrebbe inoltre riguardare anche i lavori eseguiti nel 2019, ma pagati nel 2020, in quanto la normativa non fa riferimento ad una data per la decorrenza dell’inizio dei lavori.

Se quindi desideri dare un’aria nuova e più presentabile alla facciata di casa, questo è l’anno giusto. Il governo infatti con questo provvedimento intende facilitare a livello economico gli interventi che riguardano l’aspetto estetico degli edifici, al fine di abbellire e rendere più gradevoli le strade delle città e dei comuni più piccoli.

Un altro aspetto interessante della detrazione, è che il bonus facciate non pone un limite massimo di spesa, che dovrà essere ripartita in dieci quote annuali di pari importo. Chi per esempio deciderà di effettuare dei lavori sulla facciata di casa, potrà spendere sia cifre basse che cifre più alte (per esempio 60.000 euro). In entrambi i casi si avrà sempre diritto al bonus e quindi alla detrazione del 90% dalle tasse.

La normativa non precisa quali siano le modalità da adottare per il pagamento dei lavori, ma si ritiene che si possano estendere quelle previste dalla normativa per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio.

Potranno infine usufruire della detrazione i proprietari di edifici già esistenti ubicati nelle zone omogenee A o B, così come definite dal DM 1444/1968.

Il bonus facciate 2020 è una novità che va ad o aggiungersi al pacchetto dei bonus casa già in vigore e prorogati per il 2020. Questo significa che tale agevolazione è cumulabile con altre misure e che quindi, per esempio, si potrà decidere di intervenire sulla facciata di un edificio e allo stesso tempo effettuare lavori di ristrutturazione interni all’appartamento.

Ecco di seguito un elenco con le principali agevolazioni confermate anche per il 2020:

  • Bonus ristrutturazione: detrazione del 50%, fino ad un massimo di spesa di 96.000 euro.
  • Ecobonus: agevolazioni per la riqualificazione energetica degli immobili al fine di ridurre gli sprechi energetici.
  • Bonus mobili ed elettrodomestici: detrazione del 50% sulle spese sostenute per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici per appartamenti soggetti a lavori di ristrutturazione. La detrazione va calcolata su un importo massimo di 10.000 euro.
  • Sisma bonus: detrazione fino al 50% per chi effettua interventi di adeguamento sismico, che va calcolata su un ammontare massimo di 96.000 euro per unità immobiliare. La detrazione è più elevata (70-80%), quando dalla realizzazione degli interventi si ottiene una riduzione del rischio sismico di 1 o 2 classi e quando i lavori sono stati realizzati sulle parti comuni di edifici condominiali.
  • Bonus verde: detrazione pari al 36% per la riqualificazione di terrazzi, balconi e giardini da parte di privati e condomini.
Condividi: