Arredare una mansarda, una questione di spazio

Una mansarda è uno spazio abitativo che può rivelarsi davvero originale, funzionale e anche comodo, a patto che si scelga un arredamento in grado di valorizzarlo. La caratteristica di una mansarda è quella di svilupparsi in un ambiente più ristretto del normale a causa del soffitto spiovente. Ecco che allora arredare una mansarda deve essere un’operazione creativa ragionata per sfruttare al massimo tutti gli angoli a disposizione, anche quelli più complicati.

Ogni punto della mansarda va utilizzato, anche là dove sembra impossibile. Qui entra in gioco la creatività con l’uso di soluzioni salvaspazio utili a riempire anche le aree più basse. 

In una mansarda o in un appartamento sottotetto si ha a che fare con un soffitto spiovente quindi obliquo, il che significa avere tanto spazio in verticale a disposizione da un lato della stanza e pochissimo dall’altra. 

Che fare allora? Prediligere delle soluzioni di arredamento in grado di sfruttare lo spazio verticale ma anche quello orizzontale più basso puntando su mobili su misura, adattabili e comunque essenziali.

Spesso una mansarda può essere un piccolo o grande open space versatile, dove la zona living si alterna alla zona notte diventando una camera da letto, in un gioco di trasformazione continua che asseconda le necessità personali, il tutto in uno spazio unico ridotto. 

Arredare una mansarda, stili e mobili su misura

Lo svantaggio di avere uno spazio difficile da gestire è comunque compensato dal risultato finale molto originale, che è possibile ottenere proprio attraverso l’arredamento ideale per una mansarda.

Librerie, armadi e mobili concepiti per uno spazio ristretto e che seguono l’inclinazione del soffitto.

Tra gli stili di arredamento più adatti per una mansarda ci sono sicuramente lo stile moderno e lo stile rustico. Le linee leggere ed essenziale dello stile moderno contribuiscono infatti a sfruttare al meglio gli interni senza appesantirli.

Lo stile rustico invece è usato molto spesso nelle mansarde perchè si adatta bene alle sue caratteristiche. Un materiale semplice come il legno, naturale, caldo e accogliente, crea subito un’atmosfera intima. Le travi a vista in legno grezzo del soffitto spiovente alternate a elementi in ferro battuto o granito, sono praticamente un must have e insieme ad un parquet in legno naturale creano un’atmosfera rustica che evoca la campagna molto piacevole da vivere. 

Anche in cucina il legno naturale è protagonista sempre con mobili adattabili allo spazio più basso come panche, tavoli e pensili.

In camera da letto invece è perfetto un guardaroba la cui forma segue l’inclinazione del soffitto spiovente, una soluzione per sfruttare tutta la parete anche nella parte più bassa.

Se poi posizioniamo il letto proprio sotto il soffitto spiovente, da dove magari si apre un moderno lucernario, ecco ottenuto un rifugio da sogno.  

In generale nell’arredare una mansarda vale la regola less is more. Arredare solo con l’essenziale e lasciare spazi vuoti, è infatti la scelta migliore e ve ne accorgerete soprattutto in estate quando il caldo afoso non dà tregua e l’esigenza di fare circolare l’aria facilmente è una priorità. Ecco anche perché un condizionatore non può mancare nell’arredamento di una mansarda.

Arredare una mansarda, l’illuminazione

In una mansarda una corretta illuminazione aiuta a percepire lo spazio come più ampio. Un difetto della mansarda infatti è proprio quello di risultare spesso angusta e buia. Il bianco è perfetto per alleggerire lo spazio e in generale sono da prediligere i colori dalle tonalità tenui.

Anche gli specchi sono molto utili per amplificare lo spazio ed esaltare la profondità. 

Mentre le lampade a sospensione sono per lo più da evitare, via libera invece all’uso di applique, faretti da soffitto e abat jour che daranno quel tocco di stile all’ambiente soprattutto nelle ore serali.

Durante il giorno infatti sarà soprattutto la luce naturale, che filtra dalle grandi finestre del soffitto, a illuminare tutto l’ambiente e a esaltare i colori dell’arredamento.

Condividi: