Nell’acquisto di una casa le emozioni giocano un ruolo determinante. Cosa c’è di più bello infatti nell’entrare in un ambiente domestico e capire subito che proprio quella è la casa dei nostri sogni? Varcata la soglia, la prima impressione è quella che conta. Quell’impressione emotiva sarà determinante per decidere se acquistare o no quella casa. E qui entra in gioco l’home staging, un’attività in grado di valorizzare gli immobili per una collocazione sul mercato veloce e redditizia.

Cos’è l’home staging?

Nata negli Stati Uniti e successivamente arrivata anche in Italia, l’attività dell’home staging può essere definita una vera e propria arte, usata per presentare una casa ad un potenziale acquirente. L’home staging esalta i pregi di qualsiasi abitazione. Pochi e selezionati interventi tecnici negli ambienti interni con lo scopo di vendere casa nel minor tempo possibile.

Home staging letteralmente significa “mettere in scena la casa”. L’home stager effettua interventi studiati, in grado per esempio di nascondere i punti deboli di un appartamento o al contrario di esaltarne esteticamente gli ambienti.

Naturalmente non si tratta di un mago, ma di un professionista del settore immobiliare le cui competenze spaziano dall’interior design al marketing immobiliare, dalla conoscenza dei tessuti e dell’home decor fino alla fotografia.

Cosa fa l’home stager?

L’home staging è trasversale ad altri ambiti come l’architettura o l’interior design. Ma mentre un architetto progetta e ristruttura una casa per un cliente ben preciso, l’home stagerinterviene invece nell’appartamento per raggiungere velocemente un potenziale futuro compratore. L’interior designer dà consigli di arredamento per rendere piacevole uno spazio abitativo, l’home stager invece mette in atto un allestimento efficace. In pratica esalta gli interni spostando per esempio la disposizione dei mobili, nasconde alcuni difetti, arreda con stile gli ambienti scegliendo complementi d’arredo esclusivi anche di design capaci di emozionare. In pratica cambia il volto di una casa.

Ecco gli step principali dell’home staging:

  • Analisi e progettazione: in questa prima fase viene effettuata un’analisi approfondita del mercato immobiliare, il target di riferimento, la zona in cui si trova l’immobile. Successivamente viene fatta una proposta di progetto con costi e tempi e con un piano marketing adeguato.
  • Intervento nella casa: l’home stager a questo punto studia le caratteristiche dell’immobile, i pregi e i difetti e decide dove e come intervenire per valorizzare al meglio lo spazio. Subito dopo l’immobile viene svuotato, pulito e depersonalizzato ovvero privato di foto, oggetti personali e vestiti allo scopo di renderlo neutro. Si effettuano eventuali riparazioni, si scelgono i colori e infine si decide se utilizzare i mobili già presenti o arredare la casa ex-novo.
  • L’home staging prevede anche un servizio fotografico professionale. Le foto effettuate mostreranno l’immobile nel suo lato migliore e saranno utilizzate per gli annunci online.  

Se quindi si desidera vendere un immobile in poco tempo, la soluzione è affidarsi all’home staging per rendere la casa pronta all’acquisto, con poche ma mirate mosse realizzate da un esperto del settore.

Foto di Andy P da Pixabay
Condividi: