Quartiere Pigneto: le origini

Scopriamo il Pigneto un altro quartiere romano anche lui protagonista della scena urbana romana per la sua rinascita e ormai consolidata evoluzione a quartiere cool. Il quartiere Pigneto nasce infatti popolare e operaio, una borgata periferica dove i contadini portavano a pascolare il gregge. Il quartiere ha subito un processo di riqualificazione importante nel tempo e oggi è riconosciuto dalle generazioni più giovani come quartiere trendy della capitale, tanto da attirare l’attenzione perfino del New York Times che l’ha definito la risposta di Roma a Bushwick, un quartiere operaio di Brooklyn.

Il Pigneto si trova nella zona del Prenestino-Labicano tra Tor Pignattara e San Lorenzo. Il suo territorio comincia a formarsi nell’ottocento, nell’area rurale fuori le mura dove c’erano solo contadini, braccianti e qualche villetta. Nel 1870 comincia a formarsi il primo agglomerato urbano e con la costruzione di alcuni stabilimenti industriali e fabbriche come la Snia Viscosa, laboratori e botteghe di artigiane, sorgono anche i primi edifici residenziali.

Negli anni venti poi si cominciano a costruire le prime case popolari architettonicamente più importanti e nasce la famosa zona dei villini, grazie al contributo di alcune cooperative di ferrovieri, netturbini e tranvieri. Si tratta di 125 villini bifamiliari (250 alloggi) in stile liberty geometrico, tutti circondati da giardinetti privati secondo il modello della città giardino utilizzato anche alla Garbatella.

Quartiere Pigneto: la trasformazione

Se pensiamo agli anni ‘50 quando la fama del quartiere Pigneto non era delle migliori e di fatto era considerato malfamato, è sorprendente come oggi tutto ciò si è completamente ribaltato. Quello che resta di una volta e che caratterizza fortemente il quartiere, è soprattutto l’atmosfera da paese dove tutti si conoscono e salutano. Ecco perché oggi il Pigneto piace molto agli studenti che frequentano la vicina Università di Roma La Sapienza e alle giovani famiglie.

Ma la cosa che più di tutti forse contraddistingue il Pigneto è l’essere diventato il fulcro dell’Urban Art romana. I giovani creativi qui hanno reso i muri del quartiere un laboratorio a cielo aperto dove sperimentare murales, molti dei quali oggi ormai celebri come quelli dedicati a Pasolini, un museo all’aperto insomma di opere di street art.

Alla popolazione più antica si intreccia quella delle nuove generazioni che riconoscono il Pigneto come uno dei quartieri più alla moda anche se molto distante dal circuito del turismo che si trova in altri quartieri romani più centrali. A questo si aggiunge l’ormai consolidata identità multiculturale del quartiere che vede mescolarsi diverse comunità di immigrati che costituiscono gran parte del tessuto sociale del quartiere.

Per tutti questi motivi il Pigneto è un quartiere molto apprezzato anche dal ceto medio alto. Intellettuali, personaggi famosi e soprattutto artisti si sono trasferiti qui, confermando di fatto come il fenomeno della gentifrication, di cui avevamo già parlato a proposito del più centrale quartiere Monti, ha interessato nel tempo molti quartieri romani.

Vivere al Pigneto

Se state pensando di comprare casa e siete una coppia o una giovane famiglia, il Pigneto potrebbe fare al caso vostro, considerando che generalmente i prezzi degli immobili sono ancora piuttosto accessibili come anche la vita che è più economica. Oltre ad essere servito anche dalla nuova linea metropolitana C, qui potrete vivere in totale tranquillità spostandovi tra le vie del quartiere comodamente in bicicletta: il Pigneto è il quartiere con più biciclette per strada!

Il suo viale principale lo storico Viale del Pigneto, è stato riqualificato qualche anno fa e trasformato in una vivace zona pedonale contornata da lunghe panchine di legno dove godersi il sole. Nelle strade si susseguono bar, ristoranti e locali molto frequentati dalla movida romana notturna. Alcuni di questi locali non hanno nulla da invidiare a quelli di New York o Londra, come Rosti per esempio, che offre grandi spazi interni, tavoli sociali e il giardino esterno dove rilassarsi e chiacchierare. Qui potrete parcheggiare la vostra bicicletta e trovare anche un parco giochi per bambini.

Ma il Pigneto è vivacissimo soprattutto la sera anche grazie ai sui circoli culturali per esempio con la programmazione del Nuovo cinema Aquila. E a proposito di cinema il Pigneto è stato il set di molte pellicole storiche come “Accattone” di Pasolini.

Condividi: